Benvenuto nel club dei Centenari

Defender of Italy, Giorgio Chiellini, jubilates after scoring the goal during the FIFA World Cup 2014 qualification match Italy vs Czech Republic at Juventus Stadium in Turin, Italy, 10 September 2013. ANSA/DI MARCO.

di Giuseppe Lupoli

Arrivare a giocare in Nazionale è il sogno di tutti i calciatori. La stragrande maggioranza dei giocatori non riesce nell’intento, qualcuno gioca qualche partita e pochi ne diventano dei titolari inamovibili.

Rarissimi sono i casi di giocatori che hanno vestito per cento o più presenze la maglia azzurra.

Giocando le ultime partite, è entrato in questo esclusivo club Giorgio Chiellini che ha raggiunto, in ordine di presenze, Buffon, Cannavaro, Maldini, De Rossi, Pirlo e Zoff. In cento nove anni di storia solo sette giocatori hanno raggiunto numeri così importanti.

Un aspetto interessante da notare è che in questa élite del calcio italiano non ci sono attaccanti, ma due portieri, tre difensori e due centrocampisti. Infatti, andando a vedere le formazioni di vari periodi della nostra rappresentativa, si può notare che, spesso, la linea difensiva rimaneva più o meno la stessa per diversi anni, invece, i ruoli offensivi venivano più frequentemente affidati a giocatori diversi. 

Probabilmente, ciò avveniva a causa della grandissima concorrenza che in diversi momenti c’è stata in attacco, soprattutto quando l’Italia ha vinto grandi titoli o è stata molto vicina a conquistarli. 

Negli ultimi anni, invece, c’è stata molta rotazione di attaccanti, non tanto per la concorrenza sopracitata, bensì perché nessuno è riuscito a consacrarsi definitivamente in maglia azzurra; basti pensare ad alcuni di coloro che sembrava potessero “spaccare il mondo” e poi nel giro di poche convocazioni, per vari motivi, si sono eclissati – come Destro, Pazzini, Giuseppe Rossi, fino ad arrivare all’eterna promessa Balotelli.

Oggi, abbiamo diversi giovani promettenti su cui scommettere e speriamo che possano rimanere più a lungo nel giro azzurro rispetto ai loro predecessori.

Comunque, tutto ciò non sminuisce il traguardo raggiunto dal difensore juventino che da giovane gregario della società torinese è diventato uno dei difensori più forti a livello internazionale dell’ultimo decennio.

Inoltre, cosa non di poco conto, ha anche un buon senso del gol, come ha dimostrato in diverse occasioni sia nel club che in Nazionale; non male come aspetto, in attesa che lì in attacco ci si svegli…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...