L’uomo moderno, che ha sacrificato la natura per il Dio-denaro

di Giacomo Giglio

 

Mai come in questi giorni possiamo vedere che le spire del progresso ci stanno soffocando. Pensavamo che il progresso potesse portare a un vero avanzamento nella vita di tutti i giorni, a un futuro nel quale si sarebbe trovato un compromesso fattivo tra natura e uomo, tra ecosistema ed esigenze della produzione. Tutte illusioni: il progresso è solo potenza, non miglioramento civile.

Quella che abbiamo vissuto, e che stiamo vivendo ancora, è un’estate infinita, puntellata da siccità, roghi, fiumi essiccati e autobotti che scorrazzano nei borghi più colpiti dalla mancanza di quell’oro vero, l’acqua, del quale abbiamo dimenticato l’importanza – impegnati come siamo a maledire anche due gocce di pioggia, le quali “disturbano” le nostre preziose incombenze.

L’uomo metropolitano moderno non sa più quale sia il corso naturale dei fiumi, sa a stento coltivare una piantina, non conosce nemmeno le verdure di stagione…Spesso, professa un ambientalismo sui generis, ma si tratta di un favore “teorico”, puramente estetico, per la tutela della natura (della quale sa poco o nulla). E per i giovani la situazione è anche peggiore: è venuto fuori negli Stati Uniti che il 38% dei teenager pensa che il cioccolato sia prodotto da mucche apposite.

L’uomo moderno, quindi, è un condannato votato alla sua auto-distruzione: deve lavorare, deve spostarsi per lavorare, deve produrre, deve consumare. Tutta la sua vita ruota attorno ai concetti di produzione e consumo, come se si trattasse di un ciclo infinito; peccato che tale ciclo avvenga su un pianeta nel quale le risorse sono finite e nel quale, soprattutto, ogni azione umana ha un impatto sostanziale (e talvolta devastante) sul contesto naturale.

I moniti che ci arrivano sono sempre più terrificanti: uragani ravvicinati e di potenza inaudita, caldo anomalo un po’ ovunque, stagioni dei monsoni sempre più corte e violente.

Ma, alla fine, viene da pensare che ogni monito sia inutile e che, per dirla come Hervè Beauchesne, “chi crede che con il denaro si possa fare di tutto è indubbiamente pronto a fare di tutto per il denaro“.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...