Guai a chi ce li tocca

di Giuseppe Lupoli

Quest’anno il calcio italiano non ha perso i suoi gioielli più preziosi. E già questa è una buona notizia. Belotti e Dybala sono rimasti a giocare in Italia. Belotti è stato accostato alle grandi squadre d’Europa ma, nell’anno pre-Mondiale, continuerà a giocare e segnare con il Torino. Dybala, che sembrava potesse prendere il posto di Neymar al Barcellona, è rimasto alla Juventus dove indosserà la mitica maglia numero dieci. Un anno dopo lo “scippo” di Pogba, per fortuna i giocatori più richiesti all’estero sono rimasti nel Belpaese.

Nonostante l’arrivo dei magnati cinesi, il nostro campionato non riesce ancora a competere con le squadre inglesi, spagnole o il Psg sul mercato internazionale. Basti pensare al Manchester City degli sceicchi che ha speso per un terzino di buon livello (ma non un fuoriclasse) come Kyle Walker la bellezza di 55 milioni di Euro. Senza parlare degli affari stratosferici Neymar, Mbappe o Dembelè.

Il passaggio di Bonucci dalla Juventus al Milan, di cui sarà anche capitano, è forse stato il colpo più discusso e che qualche insicurezza nella difesa bianconera sembra averla lasciata. Inoltre, la squadra rossonera si è mossa molto bene nell’acquisto di giovani promettenti come Kessie e Conti.

calcio mercato2
Bonucci, neocapitano del Milan

La Juventus ha comprato molto ma è la qualità di Bernardeschi e Douglas Costa che, alla lunga, potrebbe fare la differenza con le altre compagini di alta classifica e, soprattutto, in Europa. L’Inter ha nell’esperienza e nel carattere del nuovo allenatore, Spalletti, il suo punto di forza.

Le squadre romane hanno cambiato molto e bisognerà vedere come andranno lungo il campionato. Il mister Di Francesco sulla sponda giallorossa dovrà misurarsi con una grande realtà che conosce bene da ex giocatore della Roma. In casa Lazio, Inzaghi ha iniziato molto bene vincendo la Supercoppa Italiana contro la favorita Juventus.

Il Torino sembra essersi rafforzato in tutti i reparti ed ha un buon mix di giovani e giocatori di esperienza che potrebbero dare molte soddisfazioni a Sinisa Mihajlovic. Il Genoa e la Sampdoria hanno visto rivoluzionate le proprie rose ed è molto difficile capire a cosa possano ambire. L’Atalanta, nonostante qualche inevitabile partenza, ha lasciato una struttura solida e cercherà di affrontare al massimo sia il campionato che l’Europa League. La Fiorentina sembra essersi molto indebolita, perché ha perso giocatori come Bernardeschi, Ilicic, Kalinic, Gonzalo Rodriguez e Vecino. Il Napoli ha confermato l’ossatura degli ultimi anni e, giocando a memoria, sembra poter dare spettacolo anche quest’anno, vista anche la crescita dimostrata dal gioiello partenopeo Insigne.

Le altre squadre, comprese le neopromosse, sembrano essere meno forti delle squadre sopracitate e si potrebbe dire che la lotta per la salvezza sia una questione in cui molte squadre, quest’anno, potrebbero essere coinvolte…che lo spettacolo abbia inizio.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...