L’estate dell’isteria-migranti

di Giacomo Giglio

 

Non c’è pace nell’Italia arroventata dal caldo e dalle polemiche sui migranti: è di oggi la notizia che Don Michele Biancalani, un prete toscano “colpevole” di aver pagato una giornata premio a un gruppo di immigrati, è finito sotto le attenzioni di Forza Nuova, che avrebbe promesso di controllare la “sua dottrina” – un’affermazione effettivamente ridicola.

Tutto ciò avviene al termine di due mesi in cui la questione immigrati ha surclassato ogni altro argomento, anche sotto l’ombrellone estivo, diventando un vero tormentone da spiaggia. Gli italiani, sia quelli generalmente favorevoli al fenomeno migratorio sia quelli radicalmente contrari, si scannano metaforicamente nelle piazze, in spiaggia e (ovviamente) anche su Internet, confermando lo stereotipo secondo cui gli abitanti della Penisola tendono da sempre in “guelfi” e “ghibellini” – come ci insegna la memoria dantesca.

In un’Italia che ancora stenta a ritrovare la via di una vera ripresa economica e dove il lavoro precario aumenta, in un Paese dove le normative anti-sismiche sono da sempre subordinate al dio profitto (l’importante è costruire, poi si vedrà), solo gli immigrati sembrano attirare l’attenzione pubblica, e certamente i mass media non fanno nulla per far cambiare un andazzo che, francamente, ha stancato.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...